GHITA. Storia della Fornarina

La Compagnia teatrale Eco di fondo è lieta di presentare:

GHITA. Storia della Fornarina

16 MAGGIO 2021, ORE 17:00 - TEATRO SANZIO

regia Giacomo Ferraù
con Giulia Bellucci
drammaturgia  Simone Faloppa, Giulia Viana
____

“L'anima sua indubitamente se n'è ita a contemplare quelle celesti fabbriche che non patiscono oppositione alcuna, ma la memoria et il nome restarà qui in terra et ne lo pensiero e nelle menti de li huomini dabbene longamente.

 Marco Antonio Michiel, 11 APRILE 1520

 

La notte tra il 6 ed il 7 Aprile del 1520, in un venerdì santo, il mondo perdeva uno dei suoi geni artistici più grandi. Il divino pittore Raffaello Santi moriva lo stesso giorno di Cristo. Forse questa casualità, forse la sua sepoltura nel Pantheon, unitamente al mondo perfetto e sterminato che l'Urbinate ha regalato a tutte le generazioni successive, forse tutte queste cose insieme, hanno conferito al Pittore un'aura leggendaria simile a quella di una divinità.

 

LO SPETTACOLO

"Ghita" racconta un Raffaello inedito, umano, preda delle passioni, diviso, combattuto tra la carnalità dell'incontro amoroso e la sacralità più assoluta dell’arte.

Il Dio mortale (cit. Giorgio Vasari) visto attraverso gli occhi di Margherita Luti, l'ultima amante e sicuramente la più famosa: La Fornarina.

Ghita racconta di un amore assoluto e potentissimo. Amore e morte insieme. Un sentimento universale mai completamente risolto, una perdita che non è lecito piangere, se non nel silenzio di un convento.   Le lacrime agli occhi di Ghita, di fronte alla tomba del proprio amore scomparso appena 37enne. L'urlo di dolore che le lacera le viscere, quando vede che accanto al nome del suo amore, hanno inciso nella pietra il nome di una donna che non ha mai amato; e non il suo.   La corsa di Ghita attraverso la città, derisa ed allontanata da tutti, preda della rabbia ed accecata del dolore. La sua scelta di chiudere il mondo fuori dalla porta del convento, o forse di chiudere sé lontano dal mondo. In ogni caso, la scelta di galleggiare nel bianco, per dimenticare i colori troppo accesi di un amore finito. Il convento dove lentamente, anno dopo anno, Ghita si spegne. Con i lunghi capelli bianchi che le scendono sulle spalle. Bianchi come la farina del forno in cui è cresciuta.

Info and Services
Tourist offices
Useful numbers
Privacy
Resources
Municipality of Urbino
Marche Region
Social Media
Programma attività 2021/2023
Privacy
menuarrow-down-circle linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram